IL METAMONDO DI ALICE ZANIN

Alice Zanin – Circus Circes – Galleria Biancamaria Rizzi & Matthias Ritter, Milano – Ottobre 2014

 

Milano, Cultura, Arte, eventi Milano, evento, eventi, concerti, fiere, mostre, cultura, sagre, sport, vita notturna, food, drink, musica, spettacoli, serate, emanuele beluffi, amanuele beluffi critico d&39#;arte, milano, eventi milano, notizie milano, art exhibitions, arte, arte contemporanea, arte moderna e contemporanea, gallerie arte contemporanea, gallerie d'arte, emanuele beluffi, milano, milano arte, milano eventi, inaugurazioni milano, kritika, kritikaonline, emanuele beluffi, kritika beluffi, rte, arte contemporanea, mostre d\'arte, eventi d\'arte, mostre, festival, architettura, design, art, contemporary art, recensioni mostre, exhibitions, art in italy, arte in italia, mostre in italia, news d\'arte, attualità, design, moda, fotografia, arte, contemporanea, contemporary art, mostre, gallerie, artisti, blog, elena, bordignon, artist, museum, gallery, atpdiary, international, Italy, Milan, exhibition, arte, artisti, pittura, fotografia, incisione, computer grafica, architettura, land art, scultura, letteratura, design, arte tessile, videoarte, motore di ricerca, libri, libro, recensione, recensioni, cultura, terza pagina, letteratura, narrativa, poesia, racconti, saggi, saggistica, scrittori, autori, biblioteca, letterario, critica letteraria, autore,titolo, editore, autore della recensione
Alice Zanin – Circus Circes – Galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, Milano – Ph. © Marcello Balbi

 
Innanzitutto il titolo, Circus Circes: la Circe è una figura mitologica, la maga dell’isola sperduta di Eea che nel poema epico greco Odissea trasformava gli uomini in maiali, leoni e cani, tenendoli prigionieri nella verdeggiante isola cui avevano fatto incautamente approdo.

Inversione uomo→animale che, nella galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter, si rovescia -inversione dell’inversione!- nel suo opposto: gli animali di Alice Zanin fanno il verso agli animali non umani. Mentre il circo, ladies and gentlemen, gaia prigione moderna delle creature con coda e ali che han da soddisfare le crasse risate dei bipedi, diventa qui il contesto fatiscente dello spettacolo: una vera e propria realizzazione sito specifica, cioè pensata e fatta per questo spazio espositivo, una volta spazio industriale.

Le pareti diroccate della galleria Bianca Maria Rizzi & Matthias Ritter si armonizzano coi paraphernalia -un paio di eleganti e logore scarpe da signora, vecchie palline colorate recuperate al mercatino delle pulci, sedie da giardino in ferro consumate dal tempo, un vecchio paralume, valigie consunte e una bellissima bicicletta d’epoca- che accompagnano le sculture in cartapesta di Circus Circes: levrieri persiani, uccelli del paradiso, zebre, giraffe, topini gerboa e ricci africani, gru coronate e manguste, collocati come tableaux vivants, vere e proprie dramatis personae, in pose inusitate e umane troppo umane.

Perché questo è il retroterra concettuale della produzione artistica di Alice Zanin: la messa in scena di un metamondo, cioè di un modo formalmente e materialmente definito, per mezzo del quale riferirsi a un altro mondo.

Tutte le opere di Circus Circes conducono a una dimensione altra, per cui la bicicletta d’epoca con gli uccelli del paradiso (per l’esattezza Parotia lawesii) dell’installazione When I’m with you it’s paradise, ad esempio, non è solo ciò che si vede, cioè alcuni uccelli neri attorno a una bella bicicletta d’antan su cui è appoggiato un nido con delle uova azzurre, ma rappresenta il sentimento dell’amore (gli uccelli del paradiso fanno la danza di corteggiamento, le uova sono custodite all’interno di un nido e la stessa bicicletta può rappresentare il soggetto/soggetto del trasporto amoroso).

E’ il rapporto, proprio delle arti visuali, raffigurare/rappresentare: dare forma sensibile a un pensiero per mezzo di elementi che diventano simbolici. Come nel poema omerico, la maga Alice Zanin trasfigura gli animali in uomini attraverso gli incanti delle forme simboliche: ecco che allora i tre levrieri persiani (Caeruleus, Cineraceus e Inauratus) seduti su vecchie e consunte sedie in ferro interagiscono con oggetti d’uso umano -tre palline colorate, un paio di scarpe, una trombetta; da notare la coordinazione fra i colori degli oggetti e i rispettivi referenti, il ceruleo delle palline, il grigio delle scarpe e l’oro della trombetta-, in una situazione che a dispetto dell’apparenza non è un gioco, non è un divertissement: i tre quadrupedi non stanno facendo-finta-di, perché la messinscena di Circus Circes rappresenta una condizione estetico/esistenziale che potremmo piuttosto circoscrivere al dominio dell’effimero.

Gli oggetti dell’uomo, che naturalmente i tre cani non usano per lo scopo per cui sono stati realizzati, diventano qui corbelleria, simbolo di una certa fascinazione per la decadence: incanto per il bel declino che investe di sé tutta la mostra di Alice Zanin, rappresentazione sentimentale che riporta a vita nuova le vestigia del tempo, contestualizzandole in una situazione paradossale. Un po’ come i divani, le poltrone, gli armadi, i tavoli e le sedie che Giorgio De Chirico raffigurava in contesti spiazzanti e inusuali, generando un sentimento di spaesamento.

In questa occasione la “pelle” delle sculture è, appunto, liscia: ritagli di giornali, dall’artista accuratamente selezionati per cromie, del tutto privi di parole, che si distendono come epidermide lungo tutta la struttura dei corpi degli animali. Il risultato è un’accentuazione della plasticità di queste sculture: son fatte di carta e ferro, ma al tatto sembrano solide come il marmo.

C’è tutta Alice Zanin in questa mostra (l’attenzione è sempre orientata al corpo, visibile, palpabile, massivo), ma con una novità operativa: se nella precedente produzione il tema principe era la favella (le volumetrie epidermiche della carta che ricopriva le sculture erano affastellate di parole), ora a dominare è l’affabile silenzio dell’interpretazione incompiuta, leggera e vagante: “slittamento” semantico dal mondo lineare degli animali a quello denso di sovrastrutture (Karl Marx docet!) del mondo umano -senza con ciò stesso accordare all’uno o all’altro regno una preferenza d’ordine estetico o morale.
 

Questo slideshow richiede JavaScript.


 
Alice Zanin | Circus Circes

Biancamaria Rizzi & Matthias Ritter
via Cadolini 27, Milano
info@galleriabiancamariarizzi.com
www.galleriabiancamariarizzi.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...